Browse By

NUOVA ESCLUSIVA INTERVISTA AI GREEN DAY SU ROLLING STONE AMERICA: LA RIVOLUZIONARIA RINASCITA DEI GREEN DAY

Non molto tempo fa, prima di aver spinto la sua band a registrare tre album tutti in una volta ed essere andato in riabilitazione, prima che un induzione nella Rock & Roll Hall of Fame gli avesse lasciato poco da dimostrare, Billie Joe Armstrong ha avuto alcune regole rigorose per i Green Day. La più importante, ogni album e tour dovevano portare subito al successivo. Le band che hanno avuto pause non sono mai più stati la stessa cosa quando sono tornate, Armstrong diceva, paragonando il suo trio ad una vettura sportiva d’epoca: “Puoi tenerla sempre su di giri, oppure sederti e lasciare che si arrugginisca” Si esercitavano fino a sei volte la settimana, come una garage band durante la preparazione per il suo primo concerto. “E ‘stato ridicolo”, dice il bassista Mike Dirnt, ” e grandioso. Abbiamo tenuto la testa china per 20 anni, senza mai averla veramente alzata”. Tutto doveva essere sempre più grande e più ambizioso. Con American Idiot del 2004, hanno registrato uno degli album rock più grandiosi dell’ultimo secolo, e l’irriverente trio che una volta faceva parte della classe operaia – Armstrong, il suo amico d’infanzia Dirnt, il batterista Tre Cool – hanno iniziato a suonare in stadi degni dei Queen ed iniziato ad indossare abitualmente eyeliner. Hanno lavorato su un follow-up ancora più audace, nel 2009 con 21st Century Breakdown, l’album è pieno di canzoni forti, ma insinuate di auto-serietà e magniloquenza “. Americano Eulogy (Mass Hysteria / Modern World)” per esempio, “Tutto è diventato così apocalittico”, dice Armstrong. “Abbiamo perso un po ‘della nostra stupidità, la parte dei Green Day, che mi è sempre piaciuta.” Entro il 2012, Armstrong, da molto tempo bevitore accanito, aveva perso ogni controllo, e la maggior parte del suo punto di vista. Anche mentre compulsivamente ha scritto e registrato canzoni per gli album pubblicati quasi in simultanea dalla band, ¡Uno! ¡Dos! ¡Tré! ( “Questa cosa inesorabile, troppo azzardo”), assumeva farmaci insieme ad alcol” Arrivavo al punto in cui mi meravigliavo di svegliarmi la mattina,” dice. E anche se aveva una moglie e due adolescenti a casa, il suo pensiero è stato “confuso” al punto che il pensiero della morte non lo preoccupava. “Ero molto egoista” Ora, Armstrong è nel suo quarto anno di sobrietà , e sta cercando di abbandonare anche le sue peggiori abitudini. I Green Day hanno appena finito di lavorare su Revolution Radio, il loro primo album in quattro anni, in uscita il 7 ottobre. Con la band fresca dalla più lunga pausa in 28 anni, Armstrong non pensa più a se stesso come una macchina delicata che potrebbe abbandonare in garage dopo un paio di giorni “Non è del tutto vero”, dice, piegandosi in due dalle risate su una sedia, grigia nel suo nuovo studio di Oakland. “l’ho imparato nel modo più difficile. Non si può essere entusiasti perchè ami l’entusiasmo. Devi smetterla di cercare di superarti, e cercare sempre di fare il meglio. Abbiamo dovuto rompere questa abitudine, perché improvvisamente non eravamo più noi stessi…. ero un po stanco di essere nei Green Day. Avevamo bisogno di fermarci. “ Per la prima volta in più di 15 anni, i Green Day hanno un album che non è solo un album: 12 canzoni, nessun espediente. “Questo è stato io, Billie e Tré che ci siamo dati la carica a vicenda”, dice Dirnt, “nello stesso modo come se stessimo facendo pratica per Kerplunk” – secondo album del gruppo, del 1992 – “. Senza pensarci in quel modo” La band lo vede come un ritorno al basico, una sorta di All That You Can’t Leave Behind degli U2 “C’è stata una cosa in cui abbiamo pensato, ‘Cosa dovremmo essere oggi?’ “Dice Armstrong. E la risposta: “Cerchiamo di essere i Green Day. I Green day sono fantastici!” Quando camminava sul palco ubriaco al festival iHeartRadio il 21 settembre 2012, la settimana prima dell’uscita di ¡Uno!, Armstrong ha fatto crollare tutto. Di fronte a un tabellone lampeggiante che faceva notare alla band, che il tempo a loro assegnato stava per finire, ha dato di matto, parlando davanti alla folla con uno sproloquio che sarebbe stato divertente se non fosse stato dovuto alla sua situazione. “Fanculo questa merda!” ringhiò. “Sono in giro dal fottuto 1988 del cazzo. E tu dai un cazzo di minuto? Non sono quel fottuto di Justin Bieber, figli di puttana. State scherzando cazzo” Ha proceduto a distruggere la sua chitarra, e Dirnt, per solidarietà ha gettato a terra il suo basso. Stato disastroso di Armstrong a parte, i suoi compagni erano d’accordo sul fatto che non avrebbero dovuto partecipare ad un festival Pop, in primo luogo. “Una volta un Punk, sempre un punk, ecco di cosa veramente si tratta” dice Armstrong. E’ vestito come il padre del rock, quale è: Jeans neri, Converse nere, camicia nera sbottonata, con una cravatta a pois vagamente annodata e un cardigan marrone non del tutto abbinato. Ha un po ‘di capelli grigiastri, rendendo incongruamente fanciullesco il suo nido di capelli neri spettinati. Sembra sempre un po ‘agitato, come se qualcuno dietro l’angolo ti vedesse mentre marini la scuola. “A volte ci si sente come quel ragazzino che per qualche motivo vuole diventare il re del ballo”, aggiunge. “Ma dobbiamo incolpare noi stessi per esserci messi in quella situazione. Abbiamo la possibilità di dire di no.” Fa una pausa. “Onestamente, amico, non riesco a ricordare una parola che è uscita dalla mia bocca”. Dirnt è d’accordo con tutto quello che Armstrong ha detto sul palco. “Ma quello con cui non posso essere d’accordo”dice il bassista, “è stato vedere il degrado del mio amico. Era uscito troppo di strada cazzo. E lui non lo ha ancora nemmeno visto [ intende dire che Armstrong non ha voluto vedere il filmato del uo tarcollo sul palco dell’iHeart, come spiegò lui stesso nell’intervista post rehab rilasciata per RS]. “Abbiamo finito. Capiscilo. Non riesco a pensare di suonare con te in questo momento. Capiscilo bene. ‘ ” Armstrong è entrato in riabilitazione, e mentre lui era via, Dirnt gli scrisse lettere di incoraggiamento temperato con schietto realismo. “Se riusciamo a superare questo e torniamo insieme”, gli disse, «o saremo più forti che mai oppure non lo faremo.” Nel corso degli anni, Armstrong aveva fatto tentativi periodici per diventare sobrio da solo, ma anche dopo un arresto per guida in stato di ebrezza, ben pubblicizzato nel 2003, pochi intorno a lui immaginavano che avesse un problema così grande. Durante uno spettacolo letteralmente intriso di birra in un club a New York, con il progetto parallelo dei Green Day, Foxboro Hot Tubs, nel 2010, il musicista Jesse Malin, un amico di lunga data, ha visto come Armstrong “l’ho tirato fuori ed ho fatto pipì su tutto il palco. Ho sempre pensato che fosse solo ironia. Ho fatto cose del genere da sobrio! Ma potrebbe essere stato un segno di dove stavano andando le cose. “ Ci sono state un sacco di altre notti da ubriachi che sembravano innocue, dove Malin e Armstrong sono rimasti svegli tutta la notte divertendosi sulla musica: “Parlavamo di canzoni, cose come, ‘i Replacements hanno rubato quella parte di ‘Little Mascara’ da ‘Death or Glory’ dei Clash? ” Michael Mayer, che è cresciuto vicino a Armstrong come direttore della versione di Broadway di American Idiot, lo chiama “il tossicodipendente più funzionale che abbia mai visto in vita mia. Mi sembrava andasse a fasi invece era una cosa costante. E ‘ non era come se fosse ubriaco o sotto l’effetto di droghe, per tutto il tempo. Ma di tanto in tanto passava attraverso questi crolli, ed è diventato più difficile per lui recuperare “. Dopo un po ‘, Armstrong non si sentiva del tutto ad alto funzionamento. “Questa è solo una visione esterna,” dice. “Non è la realtà di quello che stava succedendo. L’altra parte della mia vita stava cadendo a pezzi lentamente. La mia fondamenta erano incrinate.” Se non avesse smesso, dice, “Onestamente, non so se sarei in giro.” Ed è abbastanza contento di esserlo. “Voglio che il mio nido si svuoti “ dice – il suo figlio più giovane, Jakob, presto si diplomerà. “Voglio guardare i miei bambini vivere le loro esperienze. Non voglio mai che abbiano a che fare con quel tipo di buio nella loro vita.” Armstrong dice che la sobrietà è arrivata in modo abbastanza naturale. Non importa se i suoi compagni di band bevono davanti a lui. Ha anche imparato a godere dei giorni in cui non succede molto, quando può svegliarsi; andare a spasso con i suoi quattro cani ( “Mojo, Mickey, Rocky e Cleo – che tipo sembrano i nomi dei membri di una band”); divertirsi nel negozio di chitarre recentemente Broken Guitars Oakland ; andare in studio; essere a casa per la cena “e guardare Game of Thrones come tutti gli altri.”
Due anni fa, lui e sua moglie, Adrienne, hanno celebrato il loro 20esimo anniversario di matrimonio, rinnovando i loro voti in una cerimonia a Las Vegas. Più tardi quella notte, ha formato un supergruppo improvvisato con gli ospiti – Tim Armstrong dei Rancid, Malin, Duff McKagan e Tre Cool – e fatto divertire tutti con una serie di cover in un club locale. la celebrazione dell’ anniversario è servito come il vero matrimonio che lui e Adrienne non hanno mai avuto; nel ’94, hanno avuto una festa in un cortile ( “C’erano degli amici che facevano da buttafuori“, ricorda Armstrong). “Io e Adrienne siamo cresciuti insieme, diciamocelo”, dice Armstrong. “I miei figli praticamente sono anche loro cresciuti con noi . Il che è forte. Siamo sempre stati più giovani della maggior parte degli altri genitori.” (A volte suonano musica insieme così: anni fa, Armstrong ha registrato un singolo con la moglie ed i figli e lo ha inviato agli amici al posto di una cartolina di Natale.) L’ home studio di Armstrong è stato richiesto dai figli, che hanno entrambi intrapreso la carriera di musica: Joey come batterista negliSWMRS, band indipendente, e Jakob come il frontman della band influenzata dai The Strokes , i Jakob Danger, che hanno già pubblicato un EP sull’etichetta Burger Records. “E ‘una bella cosa da guardare con Jakob”, dice Armstrong. “E ‘un ragazzo tranquillo, e un giorno lui ha detto come,’ Papà, andiamo registrare qualcosa. ‘ Jakob aveva queste canzoni. Ero come, ‘da dove cazzo le hai tirate fuori?’ “
Per essere milionari, membri di mezza-età della Rock & Roll Hall of Fame, i Green Day continuano a mantenere le cose piuttosto fai da te. A loro piace costruire cose. Dirnt ha fatto da appaltatore per la sua impresa in una grande casa di Berkeley anni fa, costruendo con così tanta abilità e cura che quando ha di recente vi ha fatto visita, gli attuali proprietari gli hanno offerto un ringraziamento copioso. Armstrong ha recentemente ricostruito il motore di una vecchia Ford Falcon, con l’aggiunta di uno stencil di Joey Ramone alla cappa come tocco finale. Revolution Radio è stato allo stesso modo fatto da loro. I membri della band si sono fatti da loro stessi produttori, registrando il tutto in quasi totale privacy: C’erano solo loro e l’ ingegnere di lunga data Chris Dugan in studio ogni giorno. Non hanno parlato alla loro etichetta, la Warner Bros., dell’esistenza del disco fino a quando non era quasi finito. “Quando nessuno sa che si sta lavorando, a volte questo è il momento più facile per lavorare,” dice Dirnt. “Nessuno che dice, ‘Lo hai già finito?’ Lo abbiamo fatto perchè volevamo e non perchè dovevamo”. Armstrong si fa beffe delle rock band che cercano i produttori d’avanguardia con pop-star come ospiti. “Abbiamo respinto il pensiero di dover lavorare con altre persone per avere una canzone di successo”, dice, con un ghigno degno del ’94. “Non abbiamo bisogno di farlo. E la maggior parte di altre band nemmeno lo fa. Lo fanno perché sono fighe!” Hanno registrato l’album nel nuovo studio di Armstrong, Otis, in un quartiere rinomato nella loro nativa Oakland. C’è una copia dell’LP di Chuck Berry sulla porta d’ingresso, un juke-box d’epoca al piano superiore fornito di una collezione di 45 giri, straordinariamente curata di Armstrong (da “Keep on Knockin’ di Little Richard a “Anyway, Anyhow, Anywhere” dei The Who a “Orgasm Addict” dei Buzzcocks), un vecchio numero di Zap Comix su un tavolino. Un’enorme bandiera dello stato della California su una parete nel salone, vicino ad un poster incorniciato di “Rock N Roll Halloween Party” di Alan Freed del 1955 all’ Harlem’s Apollo Theater. Nel corridoio c’è un armadio del vecchio liceo di Armstrong, recuperato da suo fratello, che era un custode lì, nel corso di una ristrutturazione. All’interno si trova un adesivo che pubblicizzava un concerto dei Green Day del 16 marzo 1990 ( “Non è pazzesco?» Armstrong dice, indicando fuori.)
Lo spazio dello studio vero e proprio, è una stanza rettangolare con pavimenti in legno e una serie di lampadine sul soffitto, è quasi assurdamente piccolo – alcuni studi professionali dispongono di cucine più grandi. La band ha appena finito di registrare nel mese di luglio, e l’apparecchiatura è ancora stipata là. Per ottenere un suono di batteria degno di canzoni destinate alle arene, i Green Day hanno piazzato microfoni nel corridoio e nel piccolo bagno annesso alla camera live. “Ha ‘catturato quello che sentiresti mentre sei dentro mentre caghi, e nel frattempo suoni” fa notare Cool. “Supponendo che hai lasciato la porta aperta e i fan fuori. Il che non è consigliabile.” Registrare l’album è stato abbastanza indolore, ma per arrivarci è stata dura. Dirnt ha trascorso la maggior parte del tempo fuori di fronte a una delle sfide più dolorose della sua vita, dopo che alla moglie Brittney, è stato diagnosticato un cancro al seno. Ora è in remissione dopo “nove interventi chirurgici e chemio e tutta quella merda.” Dirnt si era rasato la testa nella solidarietà, e la famiglia si trasferì a sud per otto mesi per concentrarsi sul suo trattamento. Avere due bambini di età inferiore ai 10 ha reso il tutto ancora più straziante. “L’ultima cosa che vuoi fare è perdere il genitore migliore”, dice Dirnt con una piccola risatina. “Ma lei è anche la persona più forte di noi due. Probabilmente io mi sarei trascinato e detto, ‘sono fottuto.’ “Dirnt ha una classica personalità forte da bassista – durante una crisi lo vorresti al tuo fianco. Il trattamento di sua moglie ha lasciato Dirnt con abbastanza tempo libero per fare qualche lavoro serio sul suo suonare il basso: Ha imparato nota per nota “Sir Duke” di Stevie Wonder, poi ha scavato più a fondo, si è messo in contatto con un insegnante di jazz. Ma quando in principio Armstrong ha suggerito di iniziare un nuovo album, Dirnt ha detto che ha aveva bisogno di più. “L’unica cosa che il cancro ti dà è il dono della prospettiva”, dice. “Detto questo, non si può uscire dalla bolla e salire su una nave pirata. E ‘come,’ No, amico, io non sono pronto. ‘ Volevo ancora del tempo per assorbire altre emozioni. “ Neanche Tré Cool, era ansioso di tornare al lavoro. Era ad una prolungata luna di miele con la sua nuova moglie, Sara Rose, un musicista trentenne che aveva i capelli viola al loro matrimonio – grazie a lei, c’è una batteria situato proprio nel suo soggiorno in questo momento. “Abbiamo girato un po’ l’Europa, il Messico e Belize e la Giamaica,” dice. “Essere novellisposi e fare quello che ci andava di fare ogni giorno.E ‘stato un piacere’.” Cool è cresciuto in una enclave hippy rurale nella contea di Mendocino, e sembra ancora esaltato solo per essere nella civiltà. A 43 anni, riesce a portare i capelli a punta, color ghiacciolo al mirtillo, per non parlare del fatto che si fa chiamare Tre Cool. Ed è preparato a lungo raggio, lavorando sodo per preparare la vita come “un appassionato di 60 anni che suona canzoni dei Green Day” – ha anche chiesto una volta a Charlie Watts un consiglio sulla longevità del suonare la batteria, anche se i suggerimenti ( un calorico energy drink, che colpisce meno duramente) non sono stati troppo di aiuto.
Per quanto riguarda Armstrong, la sua idea di una pausa, potrebbe facilmente essere scambiata per produttività frenetica. Ha rifatto rifatto Songs Our Daddy Taught Us dei The Everly Brothers con Norah Jones, in un album collaborativo intitolato ‘Foreverly’; ha scritto una serie di canzoni alla Beatles per il musical ispirato a Shakespeare These Paper Bullets! per lo Yale Repertory Theatre; e suonato la chitarra, in alcuni concerti, per una delle sue band preferite di sempre i The Replacements. Armstrong non era lo stesso dopo aver fatto il suo debutto a Broadway come il decadente personaggio rock-dio di St. Jimmy nel musical American Idiot. L’esperienza avrebbe potuto aggravare il suo abuso di sostanze, all’epoca ( “Era un metodo di recitazione”, dice Malin), ma lo ha anche incuriosito a voler provare cose nuove. Ha iniziato a cercare qualcosa al difuori dei concerti, e dopo aver rifiutato tanti copioni, alla fine ha firmato per interpretare un ex-musicista in crisi di mezza età, e padre affranto in un film indipendente  chiamato Geezer, facendo un esordio come attore principale all’età di 44. Il film, ora intitolato Ordinary World dopo una ballata che Armstrong ha scritto per la pellicola, uscirà la settimana dopo Revolution Radio. Armstrong è in quasi ogni scena, offrendo una performance impressionante e naturale al fianco di Fred Armisen e Selma Blair. Lo scrittore e regista Lee Kirk ha incoraggiato Armstrong pensare ad esso come una linea temporale alternativa: Il ragazzo nel film ha pubblicato il suo più grande debutto su etichetta major nello stesso periodo di Armstrong, ma nel suo caso, non ha funzionato. “Ne abbiamo parlato come ‘Questa è una storia di ciò che sarebbe stato se Dookie non avesse venduto 10 milioni di dischi,'”, dice Kirk. “Forse questa è una vita che avrebbe potuto avere.”
Il film ha lasciato Armstrong ansioso di provare più cose:... “Cazzo, amico, voglio provare a recitare di più voglio provare a fare musical e voglio provare a mischiare tutto. Non c’è alcuna pressione per essere perfetto. Ci sono stati momenti mentre giravamo Ordinary World, in cui non sapevo del tutto cosa stavo facendo a tutti. E ‘stata una delle esperienze più belle che abbia mai avuto in vita mia. “ Il tema della crisi di mezza età di Ordinary World si apre anche su Revolution Radio – attraverso la penna di Armstrong, è un ‘cugino’ vicino a quella sensazione adolescenziale, di dislocazione che è sempre riuscito a catturare molto bene. “A volte quando sei a casa da solo,” dice, “c’è quella sensazione di essere spiritualmente disoccupato, e stai cercando di capire chi sei. E ‘di pensare,’ Qual è la cosa più onesta che si può dire su di me in questo momento? ‘ “L’album si apre con l’inno” Somewhere Now “che trova Armstrong che si sente” spiritualmente rotto. ” “C’è il buio e stai cercando di risalire” dice. “E ‘una sorta di ciò di cui parla il disco”. L’album è alle prese anche con quello che Armstrong vede come l’America travagliata. “Il mondo sembra una vecchia copertina di un album dei Dead Kennedys ora,” dice. C’è più di un riferimento alla brutalità della polizia (un problema di cui parlava negli anni Novanta) e le proteste Black Lives Matter. “Penso che il mio ruolo è quello di tacere e ascoltare,” dice. “Un sacco di gente bianca dovrebbe stare zitta e ascoltare. Non sanno davvero quale sia l’esperienza della gente afro-americana. Quando si dispone di persone alle quali viene sparato all’interno delle loro auto senza nessun motivo e essere messi in celle di un carcere del cazzo a scopo di lucro , abbiamo un problema serio, e la prima cosa che devi fare è essere istruito. Non cercare di renderlo come ‘Blue Lives Matter ‘ Non si deve dire come ‘tutte le vite contano’. Basta zitto e ascolta la loro esperienza. E dopo vai avanti. “
Il giorno dopo l’uscita a sorpresa di “Bang Bang”, il primo singolo da Revolution Radio, Tre Cool era alla guida della sua Volvo 1963 verso il Gilman Street a Berkeley, verso il club dove tutto è cominciato. Quello che un tempo erano magazzini abbandonati, fa notare, sono ora Trader Joe, Whole Foods e condomini. Circa mezzo miglio dal club, la luce del suo motore si accende e l’automobile si mette a borbpttare. Scendiamo, e finiamo per spingere la macchina insieme dietro l’angolo, in un parcheggio in una strada tranquilla.Forse era un segno degli dei punk-rock, una punizione tardiva per la firma con una major tanti anni fa, ma lo ignoriamo ed entriamo nel club vuoto. Il 924 Gilman è ancora gestito in comunità, come era quando i Green Day hanno iniziato a suoare lì alla fine degli anni Ottanta, prima che a loro si unisse Cool. Si tratta di un piccolo edificio in mattoni quindi è com Sun Studios di Memphis. “Non gli assomiglia molto,” dice Cool con affetto. La bacheca è piena di volantini di giovani band che hanno suonato lì di recente, con Jakob Danger che spicca tra loro ( “E ‘come un film”, dice Armstrong .)
Cool ed i suoi compagni hanno abbracciato il fatto che Dookie ora è più vecchio rispetto, ad esempio, a come era The Dark Side of The Moon nel ’94. “Mi ricordo che scherzando quando Dookie e Insomniac erano nuovi,” dice Cool “che saremmo finiti con l’ essere sulle stazioni classic rock accanto ai cazzo di Led Zeppelin e merda. Come, Non sarebbe divertente? Ora sento letteralmente ascoltare la nostra musica accanto a quella dei Led Zeppelin sulle radio rock “.
Con la loro ingannevole semplicità trascinante,i Green Day hanno ispirato più giovani band a iniziare a suonare, di qualsiasi altri, e questo non sembra stia cambiando. Quando Armstrong ha visto Jakob suonare di recente, si è ricordato di un gruppo di tre cherubini adolescenti, una garage-rock band di nome Destroy Boys, , che, come i Green Day, hanno pubblicato il loro album di debutto, mentre ancora erano al liceo. Quando siamo andati al Broken Guitars di Armstrong, un giorno, la band ha bussato alla porta: “Ehi, siamo i Destroy Boys!” Hanno consegnato una maglietta della band, e ovviamente Armstrong l’ha indossata per ua foto su Instagram. I Green Day non hanno mai smesso di reclutare giovani fan, quindi a differenza di molti gruppi veterani, vedono un sacco di facce nuove tra il pubblico. Ma l’anno scorso, un mese dopo la loro Hall of Fame, i Green Day sono tornati al 924 Gilman a suonare un secret show per il pubblico più anziano che abbiano mai visto: E ‘stata una riunione di classe per la loro scena dei primi anni Novanta, un centro ricco di punks adulti. “E ‘stato così emozionante”, dice Armstrong. “Guardando in mezzo alla folla, ho visto molti volti noti che una volta avevano piercing e capelli tinti viola, ed ora sono grigi”. Alcuni di quei ragazzi punk sono ora “educatori, sono artisti, sono autori,” che hanno utilizzato il punk come fece Armstrong, come una porta ” l’idea di essere in grado di esprimere se stessi.”
E ‘come imbattersi in un vecchio amico,” dice, “e vuoi parlare di tutte le cose successe negli ultimi 40 anni -. Si pensa a quanto è cambiata la vostra vita. E’ un viaggio. Cazzo! Ma siamo qui. “ Armstrong sospira. “Se questo è stato l’ultimo concerto che io abbia mai suonato per il resto della mia vita”, dice, “Potrei andare via felice.”

Fonte: Rolling Stone

Per tutte le altre news, seguiteci su Facebook alla pagina Green day Italian Rage And Love