Browse By

Milano, 16 gennaio 2005 (7)

Milano, 16 Gennaio 2005 by Valentina

L’attesa è finita, finalmente.
Ho il mio biglietto da novembre (io si che sono una fan organizzata) ed ecco che il 16 gennaio è arrivato.
Arrivo al Filaforum verso mezzogiorno e mezzo e sono una delle prime in fila.
Già mi vedo sotto al palco a saltare e a cantare come un idiota ma non mi importa.

Dopo un attesa lunga quasi 6 ore, durante la quale i Succo Marcio (punk rock band italiana) hanno anche improvvisato un mini show su un furgone davanti all’ormai immensa fila di fan infreddoliti e ansiosi, ecco che iniziano a lasciarci entrare.

Consegno il biglietto e mi precipito più vicino al palco possibile quasi uccidendomi sulle scale che conducono all’ interno del Filaforum, ma non importa.
In circa 10 minuti ogni singolo posto, sugli spalti e non, è occupato.
Approfitto per mangiarmi un gelato durante l’attesa ed ecco che le luci si abbassano e arrivano sul palco i New Found Glory.
Felice e contenta inizio davvero a saltare come un idiota durante la loro performance alla quale non ho prestato moltisssssssima attenzione, ma posso dire che se la sono cavata, suonando pezzi vecchi e dall’ultimo album coinvolgendo il pubblico abbastanza bene.
Ed ecco che ci salutano introducendo loro, i Green Day.
Cambio di scenografia (un vero palco da punk rock opera) ed ecco arrivare sul palco un coniglio rosa sulle note della canzone YMCA dei Village People.
Ha una bottiglia di birra in mano, che finisce in un sorso, intrattiene il pubblico per qualche minuto ed ecco che sparisce dietro le quinte (era probabilmente Tre Cool? non ci sorprenderebbe…) ed ecco che arrivano loro!
Entra Billie, poi Mike, poi Tre, ed il secondo chitarrista, si mettono in postazione ed ecco che inizia lo show !
Già dalle prime note di American idiot il pogo è allucinante e io (un metro e 55 scarso….) sono costretta ad allontanarmi ma non importa, li riesco comunque a vedere!
Ci sono canzoni vecchie e nuove, Billie parla con noi e manda anche a cagare Bush, chiama tre ragazzi sul palco a suonare, regala una chitarra e bacia uno dei fortunati, prende un superliquidator e bagna i suoi sudati fan sfoggiando un perfetto italiano . Tutto il gruppo è in perfetta forma e fin da subito sprizzano energia e passione da tutti i pori.
Insolita la cover di Shout che diverte un pò tutti, accendini a go go per wake me up when september ends e cori per l’altra cover di we are the champions e finale in grande stile con coriandoli verdi bianchi e rossi dappertutto e la immancabile Good Riddance.
Ho aspettato 5 anni dall’ultima volta che i Green Day avevano suonato in Italia, ma credetemi ne è valsa la pena.

TRACK LIST
01. American Idiot
02. Jesus of Suburbia
03. Holiday
04. Are We The Waiting
05. St. Jimmy
06. Longview
07. Hitchin’ A Ride
08. Brain Stew
09. Jaded
10. Knowledge
11. Basket Case
12. She
13. King For A Day
14. Shout
15. Wake Me Up When September Ends
16. Minority
17. Boulevard of Broken Dreams
18. When I Come Around
19. We Are The Champions
20. Good Riddance (Time Of Your Life)

 

Lascia un commento