Green Day News

19 aprile 2015
 

VIDEO: Green Day alla Rock ‘n Roll Hall of Fame

 

LA TRADUZIONE DEI DISCORSI DI TRE, MIKE E BILLIE ALLA ROCK ‘N ROLL HALL OF FAME

TRE COOL:
Beh, grazie Fall Out Boy, mi avete fatto commuovere un paio di volte. E ringrazio tutti voi stronzi, venuti qui, vi vogliamo bene. Non lasciano che i batteristi usino i suggeritori, così ho scritto questa merda alla vecchia maniera, su una fottuta macchina da scrivere. No, in realtà no. Ok, ma la musica è la forza che ci fa alzare la mattina, ed è anche la merda che ci tiene svegli tutta la notte. Siamo tutti insieme in questa sala per celebrare la musica ed è una bellissima cosa. E’ travolgente, la quantità di talento e amore in questa sala. E’ sconvolgente.
Quando eravamo in tour nel nostro van giallo Ford Econoline, suonavamo in club punk, squat, feste nei cortili, stampavamo t-shirt sopra la custodia della chitarra di Billie Joe. Dormivamo sui pavimenti, divani, dovunque abbiamo potuto. Allora non pensavo che saremmo arrivati qui ora, nella Rock and Roll Hall of Fame. Ho pensato che ci sarebbero voluti almeno un altro anno o due. Ma invecchiamo, cambiamo, e diventiamo strani, sempre più strani, sempre più pazzi. È meraviglioso. Cresciamo insieme. Con ogni battito della batteria il nostro amore per la musica diventa ancora più forte, ed è un enorme onore essere inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame e vorrei citare un paio di persone che hanno fatto girare il mio pazzo mondo.
La mia bellissima moglie, Sara Rose. Ramona e Frankie, i miei figli. Mio padre e mia mamma, Frank e Linda. Mia sorella Lori, che è quella che ha portato la musica nella nostra casa in tenera età, e io vi amo tutti. E ovviamente Billie e Mike, vi amo ragazzi…i grandi 3: Jason, Jason e Jeff. Pat Magnarella, Chris Dugan, Bill Schneider,.. Larry Livermore, che mi ha dato il nome di Tré Cool quando ero un ragazzino di 11 o 12 anni, e ho combattuto con lui per quanto ho potuto su quel nome, ma mi è rimasto fottutamente addosso. Sono nella Rock and Roll Hall of Fame adesso…
E devo tanto ai miei batteristi preferiti: Ringo Starr. Keith Moon, John Bonham, Mitch Mitchell, Charlie Watts, Buddy Rich, John Wright dei No Means No, Alex Van Halen, Dave Mello, Aaron Elliott, Al Schvitz, e in più un ringraziamento speciale al mio caro amico e batterista straordinario Al Sobrante, a destra laggiù. E naturalmente al Green Day Idiot Nation, grazie, vi vogliamo bene.

MIKE DIRNT:
Ho un paio di cose da dire, nessun ordine particolare. Per prima cosa, ho anche una mamma che mi ha dato una chitarra, un piccolo basso, e aveva solo due corde, ma fortunatamente per me erano A ed E. Vorrei ringraziare la radio. Sono un grande fan della radio, mi piacciono i buoni programmi radiofonici. Odio le pubblicità, ma amo i buoni programmi radiofonici. C’è un qualcosa di un programma radiofonico che stiamo ascoltando, il fatto che siamo tutti collegati, ed è quella connessione umana che ha sempre risuonato. Lawrence Livermore, tu hai creato la Lookout Records. Hai iniziato una piccola casa discografica per tutte giuste ragioni e hai dato una casa ad un sacco di band, e per questo ti voglio ringraziare. Enorme grazie a tutti i ragazzi che ci hanno organizzato concerti in cortili, in Europa, tutte le persone che ci hanno fatto suonare in club e squat, e alle centinaia di persone che ci hanno fatto dormire sui loro pavimenti, vi ringrazio molto. Quelle sono state esperienze che cambiano la vita e io non le cambierei per nulla al mondo.
Così a caso vorrei ringraziare la casa automobilistica Ford, per la creazione del furgone Ford Econoline, il miglior van maledetto che qualsiasi touring band puzzolente potrebbe avere.
La Reprise Records, grazie ragazzi. Tutti voi ragazzi, non importa in quali anni ci eravate. Brian Bumbery, Jenna Adler… voi ragazzi siete stati con noi un tempo molto lungo. E anche di più, Pat Magnarella, il nostro Manager. Pat, hai la pelle molto spessa, sei molto paziente, nessuno al mondo avrebbe cercato di farci essere noi stessi nel modo in cui hai fatto tu. Ti apprezziamo realmente. Per Michael Mayer e tutte le persone coinvolte con la produzione teatrale American Idiot. Questo è quanto di più vicino in cui noi siamo arrivati a vedere i Green Day dal vivo.
Voglio ringraziare i nostri amici e la nostra famiglia a casa per averci permesso di essere andati via per così tanto della nostra vita e per essere ancora lì per noi. Ha significato molto per noi nel corso degli anni e ancora significa molto, grazie. Alla famiglia Armstrong, voglio ringraziarvi per avermi accolto da voi quando ero un ragazzino, in senso figurato e letterale. Grazie per avermi permesso di vivere con voi. Alla mia incredibile moglie Brittney, sei una madre meravigliosa. Hai battuto a calci in culo il cancro l’anno scorso. Ai miei figli, Estelle, la mia piccola figlia, mio figlio Brixton a casa e mia figlia Ryan a casa, vi amo ragazzi e ognuno di voi è tutto il mio mondo. Finendo qui.. Ad ognuno dei nostri fans, tutto questo riguarda molto più voi ragazzi che me, e io sono molto orgoglioso di condividere questa vita sulla terra con voi.
Ultimo ma non meno importante: i miei due fratelli dietro di me sul palco qui. Credetemi, sono stati troppi anni anche a volerli contare. Vi amo ragazzi, ci vediamo alle prove della band.

BILLIE JOE ARMSTRONG:
Sono a corto di parole in questo momento. La gratitudine che provo in questo momento è travolgente, e non avevo molta voglia di prepararmi per qualcosa del genere, quindi non l’ho fatto. Non potevo davvero scrivere un discorso così ho intenzione di tirarlo adesso fuori dalla mia testa, con un paio di spunti di riflessione.
In primo luogo, voglio solo ringraziare la mia famiglia, i miei ragazzi, Jakob e Joey. E Adrienne, ti amo, siamo stati sposati per sempre. E’ una cosa rara, in questo pazzo mondo del rock, e ti amo così tanto, sei la migliore. Devo ringraziare la mia mamma, Ollie Louise Armstrong, lei viene dall’Oklahoma. Tu e papà avete avuto sei figli, io sono il più giovane, e la mia casa – l’unica cosa per cui io sono così grato è tutta la musica che c’era in casa nostra. Mio fratello maggiore Alan, aveva i Beatles e gli Stones e i Kinks. Andavamo a casa sua e dormivamo là e ci piaceva guardare Showtime di notte, e mi piaceva guardare Alice Cooper alle ore 12, è stato un buon momento per guardarlo. E mia sorella, Marci, che è praticamente la persona che mi ha mostrato Elvis Presley per la prima volta. E mia sorella Hollie era come “Kool and the Gang”. E mia sorella Anna, che in sostanza la collezione di dischi che avevi ha trasformato il mio mondo dentro e fuori. Grazie mille. Semmai, si tratta di un sacco di gente qui ora. E’ come se la mia collezione di dischi fosse seduta in realtà in questa sala.
Il fatto che ho avuto modo di ascoltare un album come Horses di Patti Smith. . . Mio fratello David, abbiamo ascoltato i Led Zeppelin, Van Halen, Mötley Crüe e Cheap Trick, e Pyromania dei Def Leppard, e pochi altri che si spera saranno nella Rock and Roll Hall of Fame presto. La mia casa era come una Rock and Roll High School. Letteralmente, era da pazzi. Tutti i miei amici venivano a casa mia e dicevano, dove si fuma l’erba? A casa Armstrong. [Ride] No, non è accaduto.
I miei compagni di band, Mike, io e Mike ci siamo conosciuti, il nostro distretto scolastico è andato in fallimento, così hanno chiuso le due scuole medie e unito due scuole elementari. Così lui è andato a una scuola elementare e io sono andato ad un’altra, prendevamo l’autobus insieme là fuori. Il primo giorno di scuola elementare, io ero come il pagliaccio della classe, e Mike era come il pagliaccio della classe, quindi è stato un po’ come questi due banjos sfidanti che andavano avanti e indietro. Quello che si ottiene è una dichiarazione. Mike è la mia anima gemella musicale, e ti voglio così tanto bene e abbiamo passato tutto insieme, e ti ringrazio per tutto – la tua amicizia, la tua famiglia. Ti voglio bene.
E ho incontrato Tré, stava suonando con la sua band chiamata i Lookouts, e avevano questo giovanissimo batterista, è quel periodo in cui Tre indossava una vecchia cuffia per la doccia da signora e un tutù. E così questa è la prima volta che ho visto Tré, e mi sono detto. . . e poi, non so, con il passare degli anni abbiamo avuto modo di conoscerci. Vederlo ai concerti e cose del genere, e poi si unì alla band, e io non so, era semplicemente incredibile. Un incredibile batterista. Uno dei miei batteristi preferiti di tutti i tempi. Se c’è un unico strumento che mi piace sentire, ed è perché mio padre era un batterista jazz, mio fratello è un batterista e mio zio è un batterista… Ma Tré è semplicemente fenomenale, e spinge appena ed è il batterista più pericoloso del pianeta.
E c’era questo party in cui suonavano gli Sweet Children, e il ragazzo che c’era in quel momento, io e Mike stavano cercando un batterista, e questo ragazzo era in questa pazza band chiamata Isocracy, il suo nome è John Kiffmeyer, ed ha alcuni anni più di noi e a quel tempo era un veterano in quella comunità. John, grazie. Grazie mille. Ti voglio bene e che Dio benedica la tua famiglia.
Non so, che cosa posso dire.. Lookout Records, è così raro arrivare ad avere un’etichetta indipendente che fa uscire dischi di band che sono in una scena, un posto come il Gilman Street da dove veniamo. Stavano facendo uscire i miei dischi preferiti di quel momento, ed erano i Crimpshrine, Operation Ivy, Isocracy. . . Tim Armstrong, io ti voglio bene, fratello.
Quindi, sì, abbiamo avuto questo concerto che John aveva organizzato, ed era in cima a questa montagna di Mendocino… Dovevamo suonare con i Lookouts. Tré aveva organizzato il concerto, così siamo arrivati fino alla cima di questa montagna, e abbiamo suonato in questa cabina che non aveva un tetto o energia elettrica. Ora, come diavolo si fa a fare un concerto in quel modo non ne ho idea, ma avevano alcuni generatori e abbiamo inserito i cavi. Ecco dove abbiamo veramente incontrato Larry Livermore per la prima volta, e, Larry, sei stato così grande per noi. Grazie mille. Hai aperto la porta, e ti ringrazio. Per i ragazzi come noi e gli altri ragazzi che suonano in rock & roll band, avere quello spirito indipendente, è semplicemente fantastico. Grazie mille.
Vorrei anche ringraziare tutti coloro che hanno lavorato alla Lookout Records come David Hayes, Chris Appelgren e Patrick Hynes, che mi porta a tutte le persone a Reprise. Grazie mille. Devo dire che abbiamo avuto una grande esperienza. Siamo stati lì per 20 anni. Grazie mille a tutti quelli che lavoravano nel reparto spedizioni cercando di trovare band. E tutti lì.
Ma più di tutto, devo ringraziare Rob Cavallo. Abbiamo lavorato solo con due produttori in tutta la nostra carriera, e Butch Vig ha fatto un album, quindi ti ringrazio, Butch. Rob, ha fatto tutti gli album. Quindi grazie mille, e ti sento davvero come se fossi un fratello. Siamo spiriti affini per il fatto che siamo in grado di sedersi insieme e suonare canzoni per tutto il giorno insieme, e di parlare di quel linguaggio che io adoro parlare con te. E parleremo più tardi. Grazie, Rob.
Pat Magnarella, tu sei un uomo coraggioso. Tu sei il nostro Manager. Voglio scusarmi per le camere degli hotel. Voglio scusarmi per la batteria di Tre che prende fuoco. Voglio..ringraziarti per la rehab! E grazie per fare quei colloqui che nessuno era in grado di fare. Molte grazie. Ti voglio bene.
E in chiusura. Così noi veniamo da questo posto chiamato Gilman Street. E’ un club. E’ a Berkeley. Siamo così fortunati di essere in grado di suonare lì perché è per tutte le età ed no-profit. Era come un “Romper Room” per degenerati. E’ stato così grande. E che grande scena. Potevamo guardare le band dei nostri amici, e loro hanno avuto modo di vederci suonare.. Così, poi ho avuto modo di vedere gli Operation Ivy, e ho avuto modo di vedere i Crimpshrine, e ho avuto modo di vedere i Sewer Trout, i Nasal Sex. Sono davvero fortunato. Sapete, ho sempre amato il rock & roll. L’ho sempre amato. Da quando ho aperto gli occhi e ho fatto il mio primo respiro, ne ero un fan. E l’unica cosa con cui ho intenzione di chiudere, è che amo il rock & roll.





 
 

 

Il 22 settembre Billie Joe Armstrong sarà ospite del ‘Tonight Show Starring Jimmy Fallon’

La NBC ha annunciato che Billie Joe Armstrong dei Green Day sarà ospite dell’episodio di venerdì del The Tonight Show Starring Jimmy Fallon. Sulla pagina della NBC dedicata al Tonight Show  Billie Joe viene citato c...
by admin
 

 
 

I Green Day hanno pubblicato il Lyric Video di ‘Too Dumb To Die’

  I Green Day hanno pubblicato il Lyric Video di ‘Too Dumb To Die”, brano estratto dal loro ultimo album in studio Revolution Radio. Il video che potete guardare di seguito è stato realizzato da Joseba Elorza...
by admin
 

 
 

Green Day: una performance speciale su Facebook Live a sostegno delle vittime dell’ Uragano Harvey

  I Green Day sono solo l’ultima band unitasi per promuovere il sostegno a coloro che sono colpiti dalle piogge senza precedenti e dalle inondazioni nella località di Houston come risultato dell’uragano Harv...
by admin